Traumi e Ferite

FERITE DA TAGLIO



Sono causate dall’azione di un corpo tagliente e sottile su un’area ristretta. E' il tipo di ferita più frequente e può essere superficiale ed interessare solo la cute e il sottocute o anche molto profonda. Può raggiungere organi vitali, come le arterie e le vene negli arti, o i visceri addominali nell'addome. Le labbra della ferita si presentano talvolta divaricate o comunque possono esserlo facilmente facendo trazione ai lati di esse con le mani. Queste ferite di solito sanguinano discretamente anche se sono superficiali, soprattutto quando interessano territori molto vascolarizzati come le mani. Possono presentare sanguinamenti molto abbondanti se interrompono vasi profondi.

COSA FARE

Per prima cosa è necessario lavare le mani prima di medicare la ferita per evitare si sviluppino infezioni. In caso di ferita da taglio bisogna quindi verificare che la ferita sia pulita, poi tamponare con una garza sterile, quindi disinfettare la ferita e infine fasciarla, sempre con una garza sterile. Prima della fasciatura, potrà essere utile sciacquare la ferita con acqua e posizionare del ghiaccio sulla lacerazione Il taglio potrebbe causare un’emorragia, ovvero la fuoriuscita di sangue dai vasi sanguigni. A seconda del tipo di taglio e della profondità, l’emorragia sarà più o meno copiosa.

Le emorragie capillari, le più lievi, riguardano i vasi sottocutanei e superficiali e la fuoriuscita di sangue avviene a gocce. In questo caso occorre sciacquare la ferita con acqua fredda e applicare del ghiaccio.

Se l'emorragia è venosa il sangue defluisce lentamente e costantemente e appare di colorazione più scura. Di fronte a questa evenienza, bisogna pulire la ferita con una garza sterile, disinfettarla e poi tamponarla con una garza o con un fazzoletto pulito. Se occorre, si può effettuare una fasciatura, purché non sia troppo stretta. Se la ferita si trova su un braccio o una gamba, sollevare l’arto aiuta a diminuire l'emorragia.

Se l’emorragia è arteriosa il sangue fuoriesce a fiotti, in sincronia con i battiti cardiaci, e appare di un colore rosso vivo.. In questo caso occorre un intervento immediato. Se l'emorragia non è grave, è bene pulire, disinfettare e tamponare la ferita con una garza sterile o un fazzoletto pulito. Se invece la fuoriuscita di sangue è copiosa, è importante chiamare i soccorsi nell’attesa effettuare delle compressioni sulle arterie dalle quali fuoriesce il sangue.

COSA NON FARE

In caso di ferita da taglio non bisogna utilizzare un laccio emostatico o altri oggetti che possano sostituirlo (elastici, corda, cravatta, cintura…) per posizionarlo a monte della ferita così da frenare il flusso di sangue. Si tratta infatti di un’azione che può provocare danni anche irreversibili e che deve essere svolta solo da persone esperte in casi si assoluta necessità, caratterizzati da sindrome da schiacciamento o, addirittura, da amputazione.